Appuntamenti estivi 2018 (parte 1)

Il cambio di stagione colpisce ancora! Quando finalmente la primavera sembrava aver preso finalmente il suo posto é arrivata la piggia, il vento e il fresco, e con loro i soliti, fastidiosi malanni stagionali. Ormai ci diamo appuntamento ogni anno, solo che questa volta pensavo di passare inosservata ed evitare questo incontro, invece taaaaac! Mal di gola e febbriciattola, non tanta ma quel poco che basta a dire: “fermati, riposa, e nessuno si fara più male del necessario!”

Così ho fatto, solo che non riesco totalmente a non fare nulla, c’è sempre quel costante senso del dovere e forse anche di colpa che mi dice che devo fare fare fare… farmi il mazzo, sì!! E allora ho trovato il compromesso, tra lavoro e riposo forzato. Mi sono messa finalmente al pc a fare tutti quei lavori che avrei dovuto fare da tempo, ho passato una giornata intera a studiare e a capire come creare una newsletter con Mailchimp, sistemato lo shop on line e ho iniziato a scrivere anche parte di questo post (prime 2 righe) e ne sono uscita soddisfatta.

Perciò mi verrebbe da ringraziare il “malanno stagionale”, probabilmente avrei fatto passare altri 5 mesi prima di decidermi a realizzare la newsletter, ma era ai primi posti delle mie priorità quindi posso farvi immaginare la mio gioia 😀

La newsletter avrà cadenza mensile, quindi se pensate di iscrivervi, vi posso assicurare che non intaserò le vostre caselle di posta, state tranquilli! 😉 Ovviamente gl argomenti trattati saranno news, eventi, promozioni e qualche piccolo regalo, di cui solo gli iscritti potranno usufruire. Vi ho incuriosito un po’? Allora cliccate qui.

giphy

Ma ora passiamo all’argomento che da il titolo a questo post. Quest’anno per me la stagione non è ancora iniziata, nel senso che ho fatto un paio di trasferte a marzo e aprile e non sono andate benissimo ma ho in programma un evento bomba non troppo lontano da casa ed un altra trasferta. Ma andiamo con ordine.

Il primo market che vi suggerisco di non perdere è ormai un’evento collaudato che non delude mai ma a cui non parteciperò, però ho voluto inserirlo ugualmente in questa lista di eventi anche perché guardate che grafica! I miei Bowie Cat sarebbero stati contenti di partecipare alla festa! XD Chi non conosce Matrioska Lab Store?? Questa tredicesima edizione si terrà agli ex magazzini Enel a Rimini dall’11 al 13 maggio, e oltre ai bravissimi manufatturieri, troverete anche dei workshop molto interessanti, vi consiglio di andare sul sito o sulla loro pagina facebook, qui trovate tutte le info e il programma da scaricare.

30739734_1682506728492530_1187401742577303552_n

20180413_122300.jpg

Ma arriviamo alla cosa che ci interessa direttamente. Rimanendo a Rimini, il 26 e 27 maggio mi troverete al Gipsy Garden in una location da favola! Se vi piacciono le ambientazioni romantiche non potete mancare, potete avere un assaggio guardando qui.

30124896_2022871521270092_4658336737720795136_n.png

Secondo evento riservato ai livornesi ma anche a tutti coloro che verranno a trascorre un week end o una vacanza: Il Mercantile il 2 e 3 giugno, Villa Mimbelli, Livorno. E la prima volta che partecipo a questo market, ma ogni tanto mi piace provare qualcosa di nuovo al di fuori della mi zona marchigiano/romagnola. Poi guardando la grafica che altro motivo potrei aggiungere?! XD

27460012_986903378135232_2711985685395812323_n.jpg

Bene, per ora è tutto, vi aggiornerò prossimamente con i prossimi eventi, intanto spero di vedervi numerosi a Rimini e Livorno.

giphy3

 

 

Annunci

non sono una fabbrica

Il tempo per scrivere un post sul blog per me è sempre coma andare alla ricerca del Santo Graal, soprattutto perché non sono una blogger o una scrittrice e sebbene mi piaccia scrivere, ci metto sempre tanto per impostare un testo che non sia troppo noioso e prolisso.

La mia recente avventura a Torino mi ha riportato lo stimolo a scrivere, un po’ perché il giorno del rientro è il giorno di relax, nonostante non si smetta di lavorare e ci siano tutte le cose da rimettere a posto e il caos casalingo da debellare dopo giornate di #lavorointensodellultimominuto :p un po’ perché è la giornata dedicata alle riflessioni.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Domenica 2 aprile ho partecipato al primo evento handmade dell’anno. Quest’anno sono partita con l’idea di lavorare di più e sconfinare oltre le mie due regioni native, Marche e la Romagna. Così ho deciso di partire in quarta, come si dice dalle mie parti, e di andare a Torino per il San Salvario Emporium, che si è svolto in un unica giornata, quella di domenica appunto. E l’ho fatto tutto da sola, ho viaggiato da sola con la mia fedele macchina, ho allestito da sola e gestito la vendita da sola. Per fortuna sul posto ho potuto godere del supporto di qualche collega/amico che mi ha permesso di staccare per alcuni minuti. Lo confesso, quando sono partita da casa mi sentivo forte e ganza ma oggi penso solo: sono una pazza! Complice di questo pensiero è anche il fatto che l’evento non ha portato l’incasso che speravo, forse è stata colpa del brutto tempo, o forse a Torino non ho incontrato il target giusto per i miei prodotti. Insomma, non c’ho perso in denaro ma la fatica non è stata ripagata. Succede, non può andare sempre tutto bene, chi fa mercatini lo sa e capirà quello che intendo dire. Era da tempo che volevo provare a partecipare al San Salvario Emporium aggiungendoci anche il pretesto per visitare Torino e alla fine ho fatto quello che mi ero prefissata di fare.

Fortunatamente ieri Torino era illuminata e scaldata da un bel sole primaverile e cosi ho potuto ammirare la città a piedi, rilassandomi e portando la mente a nuove riflessioni nate da una frase che mi sono sentita dire più volte da più persone nella giornata di domenica: “i prezzi che fai sono troppo bassi”

Ecco.

Quando senti una frase una volta magari ti può sfuggire e non le dai peso ma quando torna ricorrente a farsi sentire coma un mantra cantato allora porta un messaggio ben chiaro. E il messaggio è: ti sta svalutando! Sì, e sto svalutando il mio lavoro. In effetti spesso do per scontato che le persone sappiano come viene realizzato un oggetto in ceramica, le ore che ci vogliono a modellare, levigare, dipingere ecc.. Perché penso che ad alcuni interessi solo l’oggetto bello e servito, come quello che puoi acquistare in uno dei tanti negozi di souvenir. Ma qui casca l’asino! E chi acquista oggetti da artigiani dovrebbe sempre lasciare spazio all’immaginazione e pensare che l’oggetto, un’aggetto ben fatto e di qualità, oltre il materiale, porta con sé una storia e parte di persona che, con le sue passioni, che si diverte a offrire la propria abilità manuale per poi vedere un sorriso nelle persone che andranno ad osservare e scegliere quell’oggetto.

Spesso ci si dimentica di questo, e talvolta sono io stessa a dimenticarmene, perché nell’ansia di non riuscire a guadagnare rischio di finire per fare cose in serie, con poca attenzione e con poco sentimento, come se fossi una fabbrica che deve riempire le scaffalature di negozi tutti uguali. Ma io non sono una fabbrica, l’artigianato è un’altra cosa. Provate a tenere in mano un’oggetto artigianale e uno fatto in serie e ditemi cosa sentite.

Scegliere di fare questo lavoro è una sfida quotidiana perché si deve educare le persone all’handmade, cercando di non perdersi tra quello che si piace fare e quello che ci fa guadagnare di più, al di là delle mode che richiede un discorso a parte, ma lo affronterò un altro momento.

Perciò quest’anno dovrò rivedere diverse cose a cominciare dalla rivalutazione dei miei prodotti e dal mio modo di lavorare. Mi dovrò sforzare a parlare un po’ di più (cosa che mi riesce piuttosto difficile ahimè..) e dovrò anche imparare a raccontare come nascono le mie creazioni, ricordandomi di non dare nulla per scontato su quello che faccio.

Insomma è in atto una piccola rivoluzione, e nel bene nel male il lavoro ne risentirà, alcuni storceranno il naso ma questo problema dell’autostima devo decidermi a risolverlo iniziando a darsi il giusto valore. La strada è lunga, ma dove c’è possibilità di crescita ed evoluzione è tutta vita 🙂

Al prossimo post! (se riesco a scriverne uno a stagione è già tanto :p)